Emergenza terremoto in Emilia

  • 29 MAGGIO 2012 – APPUNTAMENTO A CASA CORSINI: in rispetto agli avvenimenti della giornata, salta la presentazione. Ci scusiamo con gli organizzatori e tutti quelli che avrebbero presenziato all’evento.

 

In queste tristi giornate preferiamo che la nostra piazza virtuale, fortemente legata a questo territorio, sia utilizzata per aiutare tutti quelli colpiti dai terremoti di questi ultimi giorni. Vi invitiamo a supportarci, come sempre nello spazio commenti, con ulteriori informazioni utili.

Numeri di emergenza
La Protezione Civile dell’Emilia Romagna comunica che il numero verde per le emergenze è il seguente: 800333911. Sullo stesso sito del dipartimento si trova anche la lista dei punti di ascolto per i cittadini, per segnalazioni su assistenza e danni, attivati nei Comuni colpiti dal sisma.

I numeri di emergenza dei vari paesi colpiti sono invece: Ferrara – 0532771546; Modena – 059200200; Mirandola – 0535611039; San Felice – 800210644; Cento – 3332602730.

Assistenza e solidarietà
La Federalberghi Emilia Romagna ha fatto sapere su Twitter di mettere a disposizione camere per cittadini sfollati. Le richieste vanno inoltrate attraverso le prefetture e/o la Protezione civile.

Anche gli utenti di Couchsurfing, il network di viaggiatori che si scambiano le case, sta organizzando una rete di ospitalità temporanea.

Le raccolte fondi sono molteplici. Si segnala quella aperta dalla stessa provincia di Modena, mentre chi volesse dare una mano concretamente trova informazioni sul sito locale Volontariamo.it, mobilitato sull’emergenza terremoto.

Inoltre l’ordine degli ingegneri di Modena già alcuni giorni fa, secondo quanto riportato dalla Gazzetta di Modena, ha dato la disponibilità  a visionare gratuitamente le case colpite dal sisma. Si può prenotare una visita dei tecnici chiamando lo 059/223831 o inviando una mail a segreteria@ing.mo.

Apertura Wi-Fi
In rete si moltiplicano gli appelli di singoli cittadini e aziende che invitano i residenti delle zone terremotate ad aprire le reti Wi-Fi in modo da permettere alle persone di comunicare via internet laddove le reti telefoniche non funzionino. Ecco le istruzioni di Vodafone per chi ha la Vodafone Station; e quelle di TIM.

Cosa fare in caso di terremoto

Per avere consigli su come comportarsi in caso di scosse si può consultare la guida della Protezione civile dell’Emilia Romagna, o quella del Comune di San Felice, o ancora, quella della rete civica Iperboole di Bologna.

Informazioni ulteriori
Per avere informazioni più accurate si può consultare il sito dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV), dove è disponibile anche una mappa geografica dei terremoti. Meglio ancora, per avere informazioni in tempo reale, seguire il suo account Twitter.

Protezione Civile: interventi di emergenza Terremoto.

About these ads

Informazioni su Baldoni Fabio

Baldoni Fabio - nato a Modena all'una e cinquantanove del mattino di un freddo martedì del 1978 - è stato diplomato geometra con il massimo dei voti e studente di ingegneria che ha abbandonato gli studi a 2 esami dalla laurea; è barista da più di 10 anni e gestore di un locale a Maranello. Scrive poesie e racconti per passione, ed ha pubblicato 4 libri con case editrici nazionali e partecipato e vinto a concorsi letterari. E' tra i fondatori del blog perché si riconosce nei suoi principi fondamentali: voglia di comunicare e coinvolgere, libertà di espressione ed amore per la parola. Vedi tutti gli articoli di Baldoni Fabio

5 responses to “Emergenza terremoto in Emilia

  • Monaco Enrico

    Sono ore difficili quelle che viviamo oggi in Emilia. Il terremoto ha messo in discussione la nostra vita quotidiana, minando quelle certezze che abbiamo sempre dato per scontato.
    Ora dobbiamo reagire tutti insieme, aiutandoci l’un l’altro. Dobbiamo limitare la paura, dobbiamo scacciare la rassegnazione e congelare il dolore che questo evento ci ha procurato. Ci sono centinaia di persone che hanno bisogno di assistenza. Per prima cosa hanno bisogno di essere rincuorate, e fortunatamente le istituzioni locali hanno risposto prontamente. Quindi chi è stato meno colpito ha la possibilità, e forse il dovere, di tendere la propria mano verso chi è rimasto a terra: ce lo impone la civiltà del nostro paese, la moralità individuale e il buon senso.
    Ci sono tanti modi per dare una mano. Se le vostre case sono in piedi e i vostri cari non in pericolo potete mettere le vostre braccia e le vostre teste al servizio della Protezione Civile.
    https://docs.google.com/document/d/1AAKDdXDi3MZeTucwFeVOmeeKTqIexwB7X1jQ9HO7LLE/edit?pli=1
    Qui sopra trovate i turni per andare a dare una mano a Camposanto.
    Se abitate nelle zone circostanti l’epicentro sappiate che esistono centro di raccolta viveri e altri beni per l’assistenza degli sfollati che necessitano di acqua, sapone, sacchi della spazzatura ecc. Uno di questi si trova nel Parcheggio del Corni e del Selmi vicino alla Chiesa del Gesù Redentore.
    Un altro modo per aiutare se disponete di case e posti letto è aderire al gruppo su Facebook “Un tetto per i cittadini della Bassa”. Tramite questa pagina potete mettere a disposizione posti letto per ospitare cittadini in difficoltà.
    Infine esistono già conti correnti che raccolgono denaro, i Telegiornali li diffondo ad ogni ora.
    L’appello che lancio è quello di non perdere tempo o fare finta che nulla sia successo o che non sia un problema che riguarda noi. Dobbiamo e possiamo darci da fare, e aiutare secondo la propria disponibilità chi è stato colpito dal terremoto. Il miglior modo per voltare pagina e ricominciare a vivere è dare un segnale forte di solidarietà e di reazione. Questa è la migliore medicina per curare la paura e lo scoraggiamento di queste ore.
    Diamoci da fare!!!

  • Giulia Paganelli

    La Parrocchia di Fiorano ospita alla Casa degli esercizi (di fronte al Salone del Pellegrino presso il Santuario) famiglie sfollate da Finale Emilia dopo il terremoto. Cerca quindi aiuto in termini di opere e materiale per sostenere questo impegno. In particolare cerca volontari generici, cuochi, addetti alle pulizie, generi alimentari (tra cui principalmente formaggio, salume, frutta e verdura fresche). Non c’è termine per queste necessità, perchè non è dato sapere quanto durerà l’emergenza. Per informazioni e per fornire aiuto è possibile contattare don Stefano Andreotti al numero 334/8959816

  • Emilio Bigi

    Ciao!

    Mi chiamo Emilio Bigi, sono un volontario civile in servizio nel comune di Novi di Modena, colpito come altri dal sisma che sta interessando il modenese, il ferrarese e il mantovano da quasi due settimane. Sentiamo l’appoggio di molti, che ci contattano per offrirci aiuto, sia materiale che come forza lavoro, e che su vari canali (social network, email, telefono, passaparola) si rendono disponibili in qualsiasi modo. In questi giorni abbiamo preso le donazioni (intese come materiali) che ci sono arrivati da amici, conoscenti e sconosciuti che ci hanno permesso di gestire questa prima fase dell’emergenza, che è stata caratterizzata dall’urgenza di evacuare più persone possibili, specialmente anziani, bambini e disabili, verso zone non colpite da questa calamità. Lavoro necessario per ovvi motivi di sicurezza, e fondamentale anche a permettere a noi volontari di lavorare con più tranquillità sapendo i nostri cari al sicuro.

    Adesso ci stiamo organizzando per gestire l’emergenza umanitaria che, è bene dirlo, durerà settimane, vista l’entità dei danni e l’insistenza delle scosse. Noi siamo gente forte, ce la faremo, ci crediamo, lo sappiamo. Abbiamo però bisogno di aiuto, dell’aiuto di tutti, per superare questo dramma che ha sconvolto le nostre vite. Questa email serve a farvi sapere le nostre necessità per il periodo che ci aspetta.

    VESTIARIO capi d’abbigliamento, dall’intimo in su, per maschi e femmine, di ogni età in particolar modo per bambini. qui ormai è estate, quindi vestiario leggero, o da mezza stagione, poi vedremo in futuro. di sicuro avremo anche bisogno di capi impermeabili, si vive in tenda, i tetti sono pochi. ciabatte in plastica e scarpe, di ogni misura, accappatoi e asciugamani, tute da ginnastica.

    IGIENE tutto quello che serve per lavarsi: saponette, sapone liquido, shampoo, doccia schiuma. prodotti per l’igiene intima, specialmente per le donne. creme per la pelle idratanti per viso e mani. prodotti per il sole, anti scottatura e dopo sole (non siamo al mare, ma l’ombra ormai è poca). prodotti per la rasatura (lamette usa e getta, crema e schiuma). prodotti per la depilazione femminile e qualche prodotto per la cosmesi (la vita deve ricominciare). assorbenti per donne (varie tipologie), oltre a pannolini per bambini e pannoloni per anziani. carta igienica, fazzoletti da naso, cotton fioc, salviette umide, borotalco. spazzolini da dente, dentifricio, collutorio e filo interdentale. forbici, lime e taglia unghie, pettini e spazzole. prodotti semplici per il primo soccorso (le stesse cose che avete voi nelle case): cerotti, disinfettante, cotone, garze….. no a prodotti farmaceutici e medicinali, li gestiamo con altri canali.

    MATERIALE VARIO asciuga capelli stendini mollette grucce ferri da stiro mastelle teli ombreggianti tele cerate corde libri e giocattoli per bambini colori (matite, pennarelli, pastelli), risme di carta bianca, temperini e gomme.

    ALIMENTARE solo prodotti a lunga conservazione, prodotti secchi, inscatolati, sottovuoto.

    Tutto quello che riuscite a farci avere, noi adesso non abbiamo la forza di venirlo a prendere, deve essere consegnato presso il magazzino gestito dai volontari civili in Via Raffaello Sanzio 34, Novi di Modena, 41016, MO. Noi poi faremo un inventario e immagazzineremo tutto il materiale per distribuirlo alla popolazione e alle persone sfollate presso i campi degli altri comuni limitrofi al nostro. A chi ne avrà più bisogno. Siamo tutti terremotati. Ah, molti si offrono di venire a darci una mano. Potrebbe essere un aiuto che chiederemo prossimamente, per adesso però avere qui tanti volontari aggraverebbe solo la gestione e il coordinamento dell’emergenza.

    Vi lascio il mio numero di telefono e il mio indirizzo email.

    Emilio 3477858449 emiliobigi@gmail.com

    Sentiamoci, fate girare questo messaggio e non dimenticatevi di noi quando lo faranno i vari media.

    Per tutti quelli che volessero fare una donazione in denaro, è attivo un conto corrente con intestazione “Provincia di Modena Interventi di solidarietà”, codice Iban IT 52 M 02008 12930 000003398693, indicare la causale “terremoto maggio 2012″.

  • Monaco Enrico

    Grazie Emilio, siamo attivi in vari modi e su vari territori. Se fra qualche settimana dovesse calare il silenzio potrai usare questo spazio per far risuonare la tua e la vostra voce. Spero non ce ne sarà bisogno.
    In bocca al lupo!

  • Lucio Amidei

    AIUTI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAL TERREMOTO

    L’Unione Terre di Castelli in collaborazione con il Gruppo Intercomunale
    dei Volontari di Protezione Civile ed il Coord. Prov. di Protezione Civile
    ha attivato un servizio di raccolta presso ogni comune dell’Unione.

    Per il comune di Castelnuovo Rangone i punti di raccolta sono:
    · Sala adiacente ingresso Polizia Municipale, via della Conciliazione,
    1/d, Castelnuovo. Giorni e orari di apertura Martedì e Giovedì ore 18-
    21, Sabato ore 15-18
    · Centro Civico, via Zenzalose, Montale. Giorni e orari di apertura
    Lunedì, Mercoledì e Venerdì ore 18-21

    IN QUESTA PRIMA FASE SONO RICHIESTI I SEGUENTI GENERI DI
    PRIMA NECESSITÀ:
    a) Acqua (confezionata e integra, non bottiglie singole)
    b)Generi alimentari a lunga conservazione, confezionati e integri:
    (scatolame,sughi pronti,polpa di pomodoro,tonno,succhi di frutta,biscotti, etc.)
    c) Prodotti per l’igiene personale (pannolini, pannoloni, assorbenti, salviette
    umidificate, sapone liquido, saponette, dentifrici, spazzolini, bagnoschiuma e
    docciaschiuma, materiale per barba, etc. il tutto confezionato e integro)
    d) Prodotti per il lavaggio e la pulizia (detersivi per bucato e per stoviglie,
    detersivi per pavimenti, spugne, etc.)
    d) Coperte, lenzuola, asciugamani, accappatoi (nuovi o rigorosamente puliti e
    confezionati)
    NON SI RACCOLGONO: Generi alimentari deperibili, Vestiario di qualsiasi
    tipo, Giochi per bambini
    Attenzione: la presente lista verrà aggiornata sulla base delle richieste del Coord.
    Prov. Protezione Civile

    Per le donazioni in denaro utilizzare il seguente conto corrente di solidarietà,
    attivato dalla Provincia di Modena: Unicredit – Modena, sede di Piazza
    Grande – Codice Iban IT 52 M 02008 12930 000003398693EUR – Causale
    “Terremoto maggio 2012”. I fondi raccolti dalla Provincia saranno in primo
    luogo destinati alla ricostruzione delle scuole superiori a Finale Emilia e
    Mirandola: per consegnarle agli studenti in tempo per il prossimo anno
    scolastico, serviranno oltre 5 milioni di euro.

    Per qualsiasi informazione e/o esigenze: Comune di Castelnuovo Rangone –
    Ref. Lucio Amidei, tel. 059-534862 cell. 348-2489141

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 61 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: