Il concerto del Primo Maggio

Il mio concerto del Primo Maggio è stato particolare ma non meno intenso. Una sinfonia di piattini e cucchiaini, assoli di gnocco fritto e brioches. Clienti, che spingevano contro il bancone per effettuare le ordinazioni, come spettatori che cercano la posizione migliore sotto il palco. Perchè in fondo il bancone è un po’ come un palco. Sopratutto se per 4 ore ti passano davanti 300-400 persone. Niente di strano se fai il barista e lavori anche il Primo Maggio.

Forse proprio perchè sono un barista, più probabilmente perchè non ho mai avuto una profonda coscienza politica, non ho niente di illuminante da dire e scrivere su questa giornata dedicata al lavoro e ai lavoratori – giornata purtroppo sempre più festeggiata proprio da chi un lavoro non ce l’ha – ma per queste cose in tanti avranno già detto la loro sui palchi più o meno importanti di tante piazze d’Italia.

Per questo l’unica cosa che voglio fare è augurare buon lavoro a tutti. Un lavoro che non sia solo stipendio a fine mese ma stimolo per migliorarsi e crescere. Qualcosa che riempie la vita e non solo la giornata.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...